Home » Contributi_Group » Contributi » Il “Kollettivo Drag King” del Teatro Ringhiera-in “Domenica King” – 29.11.2015 Zelig, Milano di Ombretta De Biase

Il “Kollettivo Drag King” del Teatro Ringhiera-in “Domenica King” – 29.11.2015 Zelig, Milano di Ombretta De Biase

 

con: Angeli Elena, Boeri Mila, Castigliola Cristina, Cesarotti Elena, Colonna Fabio,  D’Ascanio Sara, Dei Giudici Paolo, Facheris Matilde, Faiolo Roberta, Ferrari Maurizia,  Gibbons Giulia Sarah, Marchioro Annagaia, Raimondi Sveva, Ratti Antonella, Salardi Cristina, Roveda Monica, Scano Claudia, Stoppa Chiara

 Donne che ‘fanno’ gli uomini  in uno spettacolo effervescente, una satira inedita, graffiante e irresistibile.

di Ombretta De Biase

In teatro non mi divertivo così da tanto tempo! Domenica 29 novembre 2015, allo storico  Zelig di Milano, è andato in scena lo spettacolo delle Drag King, un gruppo autogestito di 18 attrici e due attori che, con un ritmo ineccepibile e un perfetto lavoro sul corpo, hanno messo in scena modi d’essere maschili senza cadere nella facile trappola del gesto iperbolico, esagerato e, quindi, meno efficace. Con in sottofondo note canzoni scelte ad hoc e cantate in play-back, le nostre donne hanno ‘fatto’ gli uomini nelle varie situazioni  di vita quotidiana: in palestra, alla partita di calcio, al bar, nel rapporto con il danaro, mentre si contendono la donna – ovviamente interpretata da un uomo, Fabio Colonna – etc.., inscenando così i diversi ‘stati d’animo’ maschili, tradotti con abilità interpretativa dagli stereotipi, ognuno dei quali credibilmente caratterizzato. Il che, per inciso, non accade nei tanti spettacoli in versione Drag Queen, cioè di uomini che ‘fanno’ le donne; tutti divertenti ma perlopiù estetizzanti, rivolti cioè a stupire per i fastosi costumi e i gesti eclatanti piuttosto che per far satira sul vero universo interiore femminile. Al termine dello spettacolo mi sono chiesta se una platea formata tutta da uomini si sarebbe divertita come mi sono sono divertita io. Sicuramente sì, ma, immagino, ‘a denti stretti’. D’altronde  è  appunto questo il fine e il retrogusto della  satira d.o.c..